Il tuffatore di Paestum

Il tuffatore di Paestum

Museo Archeologico Nazionale di Paestum, luglio 2013

“Forza, andiamo!”

Silvia strinse le pieghe del vestito estivo e non si mosse: non voleva disobbedire a suo padre, ma non voleva nemmeno allontanarsi dalle lastre dipinte.

Mentre osservava la lastra di fronte a lei, raffigurante un uomo che si tuffa da colonne altissime, ripensava alle parole del padre che, pochi minuti prima, le aveva spiegato il significato di quelle immagini che così tanto l’avevano colpita:

“Chi è questa persona, papà?”

“Questo è un uomo che ha vissuto qui vicino tantissimi anni fa. Era il proprietario di queste lastre dipinte, che decoravano la sua tomba”.

“E perché si sta tuffando?”

“Non lo possiamo sapere con sicurezza, queste immagini sono molto antiche…”

“Ma secondo te, perchè si tuffa? È in piscina?”

“Qualcuno dice che queste immagini siano un simbolo”.

“Un simbolo?”

“Sì, rappresentano un’azione che si può paragonare a un’altra più complessa”.

“Quindi il signore non si sta tuffando?”

“Secondo gli studiosi, il trampolino rappresenta le colonne d’Ercole, cioè il confine del  mondo, e l’acqua rappresenta la morte. Quindi l’uomo nella figura si sta tuffando nel mare dell’aldilà. Il tuffo è una rappresentazione della morte”.

“Ma poi torna?”

“No, cara, purtroppo quando si muore non si può più tornare indietro”.

Coi suoi sette anni, però, Silvia non riusciva a capire, e continuava rimuginare sulle parole del padre e a osservare le immagini sulla lastra cercando una risposta: se questo “aldilà” è un mondo che si raggiunge a nuoto, perché chi ci arriva non può tornare indietro, o telefonare?
E perché una persona dovrebbe volontariamente tuffarsi in un posto da cui non si torna più?

L’anno prima era stata al funerale della nonna e aveva visto le persone che piangevano. Anche lei aveva pianto, ma solo qualche giorno dopo, quando le avevano detto che la nonna non si poteva più andare a trovare perché non c’era più e non sarebbe più tornata.

Avrebbe voluto chiedere a suo padre se anche la nonna era col nuotatore, ma si capiva che ormai il papà si stava spazientendo.

Salutò nella sua mente il nuotatore e la nonna, che forse era lì con lui, e corse dai genitori, stringendo forte le loro mani e sperando di non doverli mai salutare per sempre.


 

In risposta a The Daily Post: “Finite Creatures.”

Annunci

Pubblicato da

Melyanna

Gli amici mi conoscono come Melyanna o come K. Sono vegetariana, ossessivo-compulsiva sul lavoro, videogiocatrice accanita, e ho votato per Laura Roslin. Il mio tempo libero si divide tra videogiochi, corsa, yoga e giochi di ruolo. Amo il mio compagno, i miei gatti, Doctor Who, la musica metal, i libri (qualsiasi libro, purché non siano Twilight, 50 sfumature o altre stupidaggini scritte da autori non professionisti, che non meriterebbero di essere pubblicati). Mi ritrovo con gli amici tutti i venerdì sera per giocare di ruolo. Al momento stiamo giocando a D&D 5 e il mio personaggio è un bardo umano. Ogni tanto disegno, ma non sono proprio capacissima, è solo un passatempo.

3 pensieri riguardo “Il tuffatore di Paestum”

  1. A very good story. I really like the way the child connects the two deaths. I used the Google Translator, so the beauty of your language must’ve got lost in translation 🙂

    Mi piace

    1. Thank you so much!.
      (Also for taking the time to read it through google translate).

      I really need to go and see the Paestum museum one day: I’ve looked at their photos and there are so many interesting things to see!

      Liked by 1 persona

I commenti sono chiusi.