Yodel, il gattino bianco che ama i computer…

Yodel - gattino bianco
Yodel al lavoro

Questo è “Yodel”, uno dei gattini randagi che il mio compagno e io abbiamo ospitato in casa un po’ di tempo fa.

Lui è l’unico a non essere stato adottato: c’era stata una prenotazione, ma la potenziale nuova famiglia ha rinunciato quando si sono resi conto che non è una femmina.

Attendiamo fiduciosi che qualcun’altro si faccia avanti per un’adozione, ma nel frattempo lui si è adattato bene a vivere con noi.
In effetti sembra gradire molto il vecchio eeePC che ho resuscitato usando Browser Linux.

Ecco il link alla scheda di adozione.

Annunci

Un pensiero per Satoru Iwata

Lo scorso undici di luglio, a soli 55 anni, si è spento Satoru Iwata, presidente di Nintendo.

Per chi lavora nel settore dei videogiochi, ma anche per chi, come me, è cresciuto giocando, Satoru Iwata è un nome importante, una pietra miliare che ha influenzato sia il settore, che la vita di tante persone.

Basta andare a vedere l’hashtag #thankyouiwata su Twitter, per rendersi conto dell’enorme influenza che Satoru Iwata ha avuto sui videogiocatori di tutto il mondo.

Artwork ufficiale di Kirby in Kirby: Squeak Squad
Artwork ufficiale di Kirby in Kirby: Squeak Squad
Autore: Nintendo – HAL Laboratory.
Originale: http://kirby.classicgaming.gamespy.com

Satoru Iwata era molto amato non solo perché il suo nome è legato a videogiochi che sono stati importanti per ragazzi di più generazioni (Balloon Fight, Kirby, Super Smash Bros., Pokémon), ma anche per la sua personalità solare, per come si è sempre considerato un giocatore prima che un manager e per la sua volontà di promuovere i videogiochi come uno strumento di divertimento per tutti, senza lasciare fuori nessuno.

Nintendo WiiIl motivo per cui la morte di Satoru Iwata mi ha scossa profondamente però è molto personale: Satoru Iwata, tra le alre cose, si è occupato dell’ideazione del lancio del Nintendo Wii.

Quando ho comprato questa console, vivevo ancora con i miei genitori, e per la prima volta dopo tanto tempo è successo qualcosa di magico: abbiamo giocato insieme.

Il Nintendo Wii, con la sua facilità d’uso e i suoi giochi semplici ma diverteni, mi ha permesso per la prima volta di condividere con la mia famiglia la mia passione per i videogiochi, il divertimento, le emozioni.

Lotus Turbo Challenge

Certo, all’epoca di Amiga 600 io e mio padre ci cimentavamo spesso in lunghe sfide a Lotus Turbo Challenge 2, ma allora ero una bambina, e poi non è più successo.

Uno dei ricordi più cari è di qualche Natale fa, quando tutta la famiglia era riunita per festeggiare e ci siamo lanciati in una sfida al Bowling di Wii Sports: ricordo benissimo, tra le altre cose, il volto sorridente di mio zio, che si divertiva insieme a me, e che è mancato da poco.

Wii Sports - Bowling

Anch’io devo quindi ringraziare Satoru Iwata per avermi permesso di condividere momenti spensierati con persone a me molto care.

Satoru Iwata era uno dei “buoni” del settore dei videogiochi, e se ne è andato troppo presto.

Per chi conoscesse l’inglese, lascio questo articolo di Wil Wheaton, che ha ispirato il mio articolo e spiega molto bene perché Satoru Iwata fosse uno dei grandi e uno dei buoni nel mondo dei videogiochi.

Hello, world!

Banner con testo "Hello World"

Il mio primo post su questo blog risale al primo di aprile di quest’anno, ma in tre mesi non ho mai scritto una vera introduzione; non mi sono mai presentata e non ho mai spiegato le ragioni per cui ho aperto questo blog.

Blogging U.Visto che il compito di oggi di Blogging 101 è quello di presentarsi e presentare il proprio blog, colgo la palla al balzo e mi occupo finalmente di fare gli onori di casa.

Ho creato questo blog come uno spazio per condividere i miei disegni, i racconti e le mie disavventure.
Si tratta quindi di uno spazio molto personale, nonostante sia un blog pubblico.

La mia intenzione, oltre a condividere disegni e racconti, è discrivere piccole recensioni di libri, film, serie TV,  di documentare le sessioni di D&D con gli amici, e naturalmente di pubblicare le foto dei miei gatti.

Per quanto il mio sia un blog personale, mi piacerebbe che diventasse un mezzo per entrare in contatto e confrontarmi con persone che, come me, amano gli animali, la scienza, la cultura “geek”.

Spero, in futuro, di poter continuare a scrivere regolarmente su questo blog, in modo che possa diventare una “macchina del tempo”, che mi permetta di rivivere i momenti che ho documentato.