“Le avventure di Sherlock Holmes”

Sherlock Holmes e il dottor Watson in una delle riprese di "Le Avventure di Sherlock Holmes".

Jeremy Brett è Sherlock Holmes. Se non fosse un paradosso, direi che è più Sherlock Holmes persino della versione cartacea originale, che prese forma dalla penna di sir Arthur Conan Doyle.

Questo mio intervento nasce, in effetti, dal bisogno di consigliare questa serie a tutti gli appassionati delle storie di sir Arthur Conan Doyle, e a tutti coloro che sono affascinati dal personaggio di Sherlock, ma non hanno mai visto la serie TV prodotta dalla Granada Television tra il 1984 e il 1994.

Il primo, grosso pregio della serie, è la fedele ricostruzione storica degli ambienti e costumi della Londra Vittoriana. Normalmente, quando pensiamo agli anni ’80, ci immaginiamo le spalline imbottite, i colori fluo e i capelli cotonati che si trovavano sempre, inesorabilmente, anche nei film e telefilm d’epoca. Non è decisamente il caso di questa serie, che ci proietta nel mondo di Sherlock Holmes in maniera estremamente convincente.

Primo piano di Holmes e Watson, in bianco e nero, dalle riprese di "Le Avventure di Sherlock Holmes"
Sherlock Holmes e il dottor Watson.

Il secondo motivo per cui questa serie merita di essere vista, è che le sceneggiature, soprattutto nelle puntate precedenti agli anni 90, sono in realtà trasposizioni televisive estremamente fedeli al materiale originale. Le libertà che si sono prese gli sceneggiatori sono veramente pochissime e sempre giustificate. Questo rende particolarmente felici i puristi dei libri. Quante volte siamo stati presi dalla frustrazione di vedere le nostre opere letterarie preferite storpiate e modificate per apparire sul grande e piccolo schermo? Beh, non è decisamente il caso di questa serie TV.

È sufficiente confrontare una delle illustrazioni di Sidney Paget con un fotogramma della serie per rendersi conto di quanto la ricostruzione sia accurata:

Sherlock Holmes: illustrazione originale di Sidney Paget
Illustrazione originale di Sidney Paget.
Holmes e Watson sul treno in un fotogramma di Le avventure di Sherlock Holmes
La stessa scena nella serie TV.

Ultima mia argomentazione, ma non certo per importanza, è la incredibile bravura degli attori, in particolare, appunto, di Jeremy Brett.

Prima di scrivere di Jeremy Brett, però, è doveroso che io spenda due parole anche su David Burke ed Edward Hardwicke, che hanno interpretato John Watson in maniera assolutamente sublime, regalandoci una rappresentazione del buon dottore in cui ne emergono l’intelligenza, l’integrità morale, e un punto di vista umano sulle vicende dell’investigatore.

Se da un lato è stato un gran peccato che Burke avesse abbandonato la serie (la sintonia con Brett era eccezionale), Hardwicke era così bravo da non avermi mai fatto rimpiangere il suo predecessore, che pure amavo.

Charles Augustus Milverton
Robert Harding nei panni di Charles Augustus Milverton

Anche gli altri personaggi ricorrenti: mrs. Hudson, Mycroft e Lestrade, sono resi benissimo nella serie, e non c’è mai un momento o un personaggio che sembri “fuori posto”. Persino nella serie degli anni ’90, in cui le sceneggiature sono più deboli, e la salute di Brett è in declino, c’è il cattivo che spicca in assoluto di più per incredibile bravura dell’attore: Robert Harding, che interpreta un Charles Augustus Milverton da brivido.

Ma torniamo finalmente al protagonista della serie, Jeremy Brett, nei panni di Sherlock Holmes. Attore di grande carisma e grande talento, Brett ha studiato il personaggio di Holmes così nel dettaglio, da avere un enorme fascicolo di appunti e dettagli che si portava sempre appresso e che studiava anche nelle pause tra una scena e l’altra. L’Holmes di Brett ha tutto quello che leggiamo sul personaggio nelle opere di Doyle, più tutti quei manierismi, piccoli dettagli, che lo rendono umano, carismatico, eccentrico, elegante, tragico. Insomma, un personaggio con cui possiamo simpatizzare.

Jeremy Brett nei panni di Sherlock Holmes.

Basta vedere una puntata per rendersi conto di quanto tutti gli attori che sono venuti dopo, incluso, soprattuto, Benedict Cumberbatch, si siano ispirati a Jeremy Brett.

Unico difetto della serie, che pur rimane una pietra miliare tra le rappresentazioni di Sherlock Holmes, è il declino, negli anni 90, legato al declino della salute di Brett. L’attore ebbe infatti una vita molto difficile, e si spense giovane, pochissimo tempo dopo le ultime riprese della serie, che fu interrotta proprio a causa dei gravi problemi di salute di Jeremy Brett.

Lista degli episodi:

The Adventures of Sherlock Holmes

  1. Uno Scandalo in Boemia (A Scandal In Bohemia) — 24 april 1984.
  2. Gli Uomini Danzanti (The Dancing Men) — 1º maggio 1984.
  3. Il Trattato Navale (The Naval Treaty) — 8 maggio 1984.
  4. Il Ciclista Solitario (The Solitary Cyclist) — 15 maggio 1984.
  5. L’Uomo Difforme (The Crooked Man) — 22 maggio 1984.
  6. La Banda Maculata (The Speckled Band) — 29 maggio 1984.
  7. Il Carbonchio Azzurro (The Blue Carbunkle) — 5 giugno 1984.
  8. I Faggi Rossi (The Copper Beeches) — 25 agosto 1985.
  9. L’Interprete Greco (The Greek Interpreter) — 1º settembre 1985.
  10. Il Costruttore di Norwood (The Norwood Builder) — 8 settembre 1985.
  11. Il Paziente a Domicilio (The Resident Patient) — 15 settembre 1985.
  12. La Lega dei Capelli Rossi (The Red Headed League) — 22 settembre 1985.
  13. Il Problema Finale (The Final Problem) — 29 settembre 1985.

The Return of Sherlock Holmes

  1. La Casa Vuota (The Empty House) — 9 luglio 1986.
  2. La Tragedia di Abbey Grange (The Abbey Grange) — 16 luglio 1986.
  3. Il Cerimoniale dei Musgrave (The Musgrave Ritual) — 23 luglio 1986.
  4. La Seconda Macchia (The Second Stain) — 30 luglio 1986.
  5. L’Uomo dal Labbro Storto (The Man With The Twisted Lip) — 6 agosto 1986
  6. La Scuola del Priorato (The Priory School) — 13 agosto 1986.
  7. I Sei Napoleoni (The Six Napoleons) — 20 agosto 1986.
  8. Il Segno dei Quattro (The Sign Of Four) — Episodio da 90 minuti — 29 dicembre 1987.
  9. Il Piede del Diavolo (The Devil`s Foot) — 6 aprile 1988.
  10. Silver Blaze (Silver Blaze) — 13 aprile 1988.
  11. Villa dei Glicini (Wisteria Lodge) — 20 aprile 1988.
  12. I Piani Bruce-Partington (The Bruce-Partington Plans) — 27 aprile 1988.
  13. Il Mastino dei Baskerville (The Hound Of The Baskervilles) — Episodio da 90 minuti — 31 agosto 1988.

The Case-Book of Sherlock Holmes

  1. La Scomparsa di Lady Frances Carfax (The Disappearance Of Lady Frances Carfax) — 21 febbraio 1991.
  2. Il Problema del Thor Bridge (The Problem Of Thor Bridge) — 28 febbraio 1991.
  3. Shoscombe Old Place (The Adventure Of Shoscombe Old Place) — 7 marzo 1991.
  4. Il Mistero di Boscombe Valley (The Boscombe Valley Mystery) — 14 marzo 1991.
  5. Il Cliente Illustre (The Adventure Of The Illustrious Client) — 21 marzo 1991.
  6. L’Uomo Carponi (The Adventure Of The Creeping Man) — 28 marzo 1991.
  7. Charles Augustus Milverton (The Master Blackmailer) — Episodio da 90 minuti — 2 gennaio 1992.
  8. Il Vampiro del Sussex (The Last Vampyre) — Episodio da 90 minuti — 27 gennaio 1993.
  9. Il Nobile Scapolo (The Eligible Bachelor) — Episodio da 90 minuti — 10 febbraio & 17 febbraio 1993.

The Memoirs of Sherlock Holmes

  1. I Tre Frontoni (The Three Gables) — 7 marzo 1994.
  2. Il Detective Morente (The Dying Detective) — 14 marzo 1994.
  3. I Pince-Nez Dorati (The Golden Pince-Nez) — 21 marzo 1994. (questo episodio non comprende Edward Hardwicke nei panni di Watson, impegnato su un altro set. Appare Charles Gray nel ruolo di Mycroft, che sostituisce il ruolo di Watson nella storia).
  4. Il Cerchio Rosso (The Red Circle) — 28 marzo 1994.
  5. La Pietra di Mazarino (The Mazarin Stone) — 4 aprile 1994. (Jeremy Brett appare solo in un cameo nel ruolo di Holmes a causa delle sue condizioni di salute. Al suo posto, Charles Gray compare ancora nel ruolo di Mycroft Holmes).
  6. La Scatola di Cartone (The Cardboard Box) — 11 aprile 1994.

In particolare, ritengo che la prima stagione sia assolutamente imperdibile.

Annunci